TITICI PRESENTA LA NUOVA F-DB02

Il rosa degli eroi del Giro d’Italia e la trama del carbonio fasciato a mano. TITICI celebra l’ambassador Stefano Garzelli con una versione speciale del telaio F-DB02, realizzato artigianalmente e su misura per il vincitore del Giro 2000. Un “abito” sartoriale, interamente Made in Italy, che accompagnerà Garzelli in tutte le sue uscite.

F-DB02 è il modello road con freni a disco di TITICI pensato per la salita, dunque perfetto per uno dei grandi scalatori della sua generazione, in grado di conquistare anche due maglie verdi di miglior grimpeur del Giro d’Italia. Il telaio F-DB02 si caratterizza per la tecnologia brevettata PAT(Plate Absorber Technology) che permette di creare il top tube più sottile al mondo: solo otto millimetri di spessore all’intersezione con il tubo sella. Grazie alla forma del tubo orizzontale, il telaio TITICI è in grado di assorbire fino al 18% di vibrazioni in più rispetto a un telaio standard, mantenendo un’elevatissima rigidità torsionale. Questo si traduce nella perfetta combinazione tra comfort di guida e prestazioni racing. Rispetto alla versione precedente, il nuovo telaio F-DB02 è stato alleggerito del 10% presentando un carro posteriore completamente ridisegnato e sostituendo il sistema di bloccaggio della sella.

I colori della F-DB02 x Stefano Garzelli interpretano i desideri del campione varesino. Le finiture carbon look esaltano l’artigianalità di un modello dalle geometrie e dalle misure personalizzate. I raffinati dettagli rosa rievocano il trionfo più grande della carriera.

“La scelta del colore rosa è chiaramente legata alla vittoria del Giro d’Italia: è bello avere dettagli rosa che mi accompagnano a ogni evento”, spiega Garzelli“Per quanto riguarda il carbon look, sin da quando correvo trasmette l’eleganza e la bellezza della bicicletta come opera artigianale. Parlando di pure prestazioni, TITICI è impressionante. La qualità di una bici si vede in discesa: con la F-DB02 imposti la curva ed esci dove hai deciso di uscire. È precisa, sicura e brillante. In salita, ti alzi sui pedali e avverti la rigidità: la bici ti segue a ogni cambio di ritmo. Sono questi i dettagli a cui un ciclista professionista o amatoriale tiene particolarmente: TITICI li racchiude tutti al massimo grado. Sono davvero contento di pedalare con una bici TITICI”.

Altre storie
SUUNTO 9 L’AMICO (NON INVISIBILE) DI OMAR DI FELICE